DERATTIZZAZIONE

Pulitecno Multiservizi srl è autorizzata in CCIA di Livorno ad effettuare servizi di derattizzazione. 

Il servizio si articola in varie fasi, dalle ricerca delle tracce e dei punti di annidamento per prevedere gli spostamenti e la distribuzione dell’infestazione; si passa alla creazione di planimetrie per individuare i punti dove applicare la lotta e infine si fa formazione del personale per eliminare azioni che facilitano la reintroduzione di topi e ratti.

Tutte queste conoscenze preliminari consentono la stesura di un piano strategico di intervento per la bonifica dell’ambiente predisponendo il più basso impatto ambientale possibile. Organizzazione, pianificazione, tempi, metodi, personale preparato e mezzi rappresentano i punti nodali dell’intervento di derattizzazione che comunque deve essere continuamente monitorato. La corretta metodologia di localizzazione delle esche in prossimità dei focolai di infestazione allo scopo di ottenere la maggior assunzione di principio attivo nel minor tempo possibile è un elemento vincente. Le esche devono essere disposte in zone infestate o in zone riconosciute come “di passaggio“. In caso contrario si rischierebbe di creare nuovi percorsi che complicherebbero l’esito della derattizzazione e dei  monitoraggi successivi. La quantità di esca deve essere leggermente eccedente per non creare competizione alimentare tra i membri della popolazione. I punti esca devono essere prontamente ripristinati e, una volta raggiunto l’obiettivo, rimossi. I principi attivi , altamente specifici e a bassissimo impatto ambientale , devono essere alternati per evitare fenomeni di assuefazione. La lotta ed il controllo devono essere eseguiti durante tutto l’anno solare tenendo comunque presente che ratti e topi sono particolarmente prolifici in autunno ed in primavera. Il personale che abitualmente alloggia o lavora nei locali oggetto della derattizzazione deve essere correttamente informato e motivato. Il coinvolgimento del personale serve per scongiurare atti e comportamenti che potrebbero vanificare gli  interventi di disinfestazione (scarsa igiene, trascuratezza nella pulizia dei mezzi di produzione, abbandono di materiali di scarto e/o di rifiuto, etc.). L’intervento di derattizzazione deve essere necessariamente accompagnato da opere di prevenzione e profilassi in modo da porre le basi per impedire successive reinfestazioni.